Venerdì
23 agosto


Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Vino rosso: abitudine salutare se moderata

Il vino rosso è una bevanda alcolica tipica dell’area mediterranea, ottenuta per fermentazione del mosto d’uva nera, quasi immancabile sulle tavole degli Italiani. Numerosi studi dimostrano che questa abitudine ha ragione d’esistere visti i numerosissimi benefici che apporta all’organismo un bicchiere al giorno bevuto durante i pasti principali.

Il vino rosso è ricco di polifenoli, composti aventi proprietà antiossidanti, antibatteriche, antimicotiche, antitumorali ed antinfiammatorie. Il fenolo più conosciuto è il resveratrolo che, oltre a svolgere tutte le funzioni già menzionate, è anche un fluidificante naturale del sangue: aiuta, quindi, a prevenire l’Alzheimer, l’ictus e le altre malattie del sistema cardiocircolatorio.

Contenendo alcol etilico, il vino rosso non può essere, però, considerato in assoluto una bevanda salutare. Difatti, l’alcol etilico, che è una molecola nociva per l’organismo, costituisce un elemento chimico ad azione nervina ed oggetto di tossicodipendenza per l’uomo.

Una ricerca ha dimostrato che a parità di abitudini alimentari, anche spinte verso quelle più malsane, con consumi abbondanti di grassi, i soggetti consumatori di vino rosso presentano un minor accumulo di grassi nel fegato e livelli glicemici inferiori. La molecola responsabile di questa reazione sarebbe l’acido ellagico (presente in molti ortaggi e frutti, come il melograno), ovvero un antiossidante fenolico in grado di ostacolare l’accumulo di grasso nelle cellule e di opporsi allo sviluppo di nuovi adipociti. Come se non bastasse, il vino rosso è ricco di quercetina, un flavonoide (tetraossiflavonolo) inibitore metabolico di enzimi coinvolti nella risposta infiammatoria.  Le funzioni antiossidanti della quercetina sono utili alla disintossicazione delle cellule e alla diminuzione della secrezione di ossido nitrico durante l’infiammazione.



Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com

Lascia un commento