Domenica
17 febbraio


Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



uva

Uva e sue caratteristiche

L’uva è il frutto della vite ed è l’ingrediente base del vino e di numerose bevande alcoliche (champagne, cognac, porto…); la sua produzione e quindi la produzione di vino risalgono a tempi immemorabili: questa bevanda è sempre stata apprezzata in particolare da Greci e Romani che ne consumavano in abbondanza; con la caduta dell’impero romano, i Galli continuarono la viticoltura e per questo la sua celebrazione non fu mai interrotta. La vite, da cui l’uva si ricava, può essere lunga circa 17 metri ma la si pota per facilitare la raccolta di un’uva buona e ricca di sapore; fiorisce in primavera e circa tre mesi dopo l’uva è matura e pronta per la raccolta. I chicchi del frutto possono essere rotondi o leggermente allungati, riuniti in grappoli più o meno grossi e con un colore variabile dal verde al viola o quasi nero; la polpa è succosa e zuccherina ed è ricoperta da una buccia che racchiude anche dei piccoli semi. Si fa distinzione tra uva da tavola, utilizzata come frutta o nei dolci, uva da vino ed uva destinata all’essiccazione. E’ deliziosa al naturale, cotta, disidratata o spremuta e si può consumare in macedonia, nei dolci, per fare confetture o anche per essere utilizzata come accompagnamento ad alcuni alimenti. Il suo succo è molto gradevole e dai semi si estrae un olio da tavola mentre, le foglie della vite che sono commestibili, vengono impiegate spesso per farcire carne o riso anche se è un’abitudine più caratteristica di paesi quali Israele, Nord Africa o Grecia. L’uva è una buona fonte di potassio e contiene vitamina C, vitamina B6 e le si riconoscono numerose proprietà medicinali: è diuretica, energetica, lassativa e remineralizzante; molto spesso viene consigliata come terapia depurativa e rinvigorente. Dopo aver conosciuto brevemente la storia, gli usi e le proprietà dell’uva, ci lasciamo con una ricetta che ci aiuta a fare in casa la confettura di uva:

  • staccare gli acini, eliminando quelli troppo maturi o danneggiati e lavarli con cura. Aprirli e togliere i semi
  • pesarli in modo da determinare il quantitativo di zucchero da usare: a parità di peso la conserva durerà a lungo, viceversa con un peso di zucchero pari alla metà del peso dell’uva la conservazione sarà più breve
  • versare lo zucchero in una casseruola, aggiungere 50ml di acqua per chilo di zucchero e far sciogliere a fiamma bassa, nel momenti in cui va in ebollizione viene lasciata sul fuoco per circa 4 minuti
  • lasciare ispessire lo sciroppo fino a che prenda una bella consistenza e spegnere il fuoco appena raggiunta l’ebollizione
  • invasare la confettura e chiuderla ermeticamente

Dott.ssa Lucia D’Anzi – biologa nutrizionista

Uva e sue caratteristiche
Valuta questo post
Dott.ssa Lucia D'Anzi
Lucia D'Anzi
luci.danzi@gmail.com

Sono la dottoressa D’Anzi Lucia. Ho conseguito il 24 marzo 2015 la laurea magistrale in Biologia (Federico II, Napoli) con indirizzo in biologia della nutrizione che è stata da sempre la mia passione; lavoro infatti come biologa nutrizionista presso un mio studio professionale e seguo continuamente corsi di formazione e di aggiornamento nell’ambito della nutrizione oltre che della biologia in tutte le sue sfaccettature. Ho superato l’esame di stato per l’abilitazione alla libera professione di biologo e sono ufficialmente iscritta all’albo professionale. Attualmente sto seguendo il master di II livello in “dietetica e nutrizione” presso l’università Cattolica del Sacro Cuore dove svolgo anche un tirocinio presso il policlinico Gemelli. Precedentemente ho già svolto tirocinio clinico presso l’azienda ospedaliera A.O.R.N. Cardarelli di Napoli in qualità di nutrizionista; in qualità di biologa ho invece svolto un tirocinio annuale di tesi magistrale in chimica organica presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, Fuorigrotta (facoltà degli studi di Napoli Federico II).