[datetoday]
Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Usi moderni di un sale antico 200 milioni di anni

Il sale rosa dell’Himalaya, o semplicemente il sale rosa himalayano è un sale puro, non raffinato, non trattato, estratto alle pendici della catena himalayana, in strati geologici dove si trovava un vasto oceano 200 milioni di anni fa. Questo particolare sale presenta una tipica colorazione rosa che può virare verso sfumature arancioni ed è composto da cloruro di sodio, come il comune sale da cucina, al quale sono legati diversi altri minerali presenti in tracce. La sua particolare colorazione rosa deriva dall’elevata concentrazione di minerali e oligoelementi, come il ferro e il rame. Esistono in commercio altri tipi di sale rosa, come il sale rosa peruviano e quello australiano. Questo, però, è considerato  il più pregiato, completo e puro dei sali.

Il comune sale marino risente dell’inquinamento dei mari, inoltre viene trattato con gli antiagglomerati chimici per evitare che, assorbendo umidità, indurisca. Il sale dell’Himalaya, invece, viene semplicemente estratto e lavato, senza essere sottoposto ad alcun trattamento di raffinazione.

Il sale rosa è preferibile al sale comune in cucina rispetto al quale ha un sapore molto delicato ed è adatto ad accompagnare i cibi. Si tratta di un sale velocemente assimilabile nell’intestino, per cui è prezioso per ripristinarne l’equilibrio e rimuovere le scorie. È un eccellente conservante e per questo le migliori industrie alimentari lo preferiscono al sale tradizionale per la preparazione di prodotti pregiati di media e lunga scadenza. Non si usa solo in cucina, ma anche per la cosmesi e la cura del corpo. È un ottimo disinfettante e per questo è ideale per preparazioni idrosaline da utilizzare nella cura di disturbi come raffreddore, dermatite, congiuntivite, verruche. Questo prezioso sale può essere utilizzato per la  cura della pelle: i suoi granelli strofinati direttamente sulla cute esercitano una profonda azione di  peeling naturale, eliminando le cellule morte. Sciolto nell’acqua da bagno,  aiuta a rassodare e tonificare, migliora la circolazione e contribuisce a combattere la cellulite.

Trattandosi di cloruro di sodio è importante non abusarne a tavola, come per il  sale bianco. Per  prevenire l’ipertensione e i disturbi ad essa collegati, sono raccomandati non  più di 5 grammi al giorno, pari a circa un cucchiaino di sale.

Infine, con il sale rosa hymalaiano, si fabbricano le famose lampade di sale che diffondono una piacevole luce e che purificherebbero l’aria di casa emettendo ioni negativi e fungendo, dunque, da ionizzatori naturali.

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
Nessun commento

Lascia un commento