Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Test iXip per la diagnosi precoce del tumore alla prostata

Scoprire il cancro alla prostata senza ricorrere a pratiche invasive è quanto permette di fare l’indice diagnostico iXip. Tale indice, ottenibile con una semplice analisi del sangue, permette di distinguere la malattia da patologie benigne come l’ipertrofia o l’infiammazione. Rappresenta, dunque, un nuovo test per la diagnosi di tumore alla prostata denominato, appunto, “Ixip” eseguito in un laboratorio analisi su un semplice campione di sangue: l’esito fornisce al medico l’indice di probabilità di tumore alla prostata  (PCa) ancor prima di eseguire la biopsia prostatica, evitando al paziente di essere sottoposto a un esame invasivo.

Il test iXip non nasce per sostituirsi a indagini diagnostiche ma per completare l’accuratezza nella diagnosi, vuole intercettare un bisogno dell’urologia, essendo il tumore della prostata il più importante tra i maschi adulti, al fine di avere una stima potenziale e immediata dell’aggressività del tumore tale da poter pianificare tempestivamente le strategie terapeutiche per il paziente. La biopsia alla prostata (prelievo di piccoli frammenti di ghiandola prostatica utilizzando un apposito ago-guidato da una sonda ecografica introdotta nel retto) è il gold-standard per confermare un sospetto tumore della prostata e anche per acquisire informazioni sul suo grado di evoluzione e differenziazione, ma è una procedura invasiva e rischiosa. Per queste ragioni è importante migliorare l’accuratezza di metodi diagnostici non invasivi per ridurre la necessità di eseguire biopsie.

L’indice iXip è un algoritmo complesso che si basa su quattro elementi clinici:

1) dosaggio del Psa-IgM, il nuovo biomarcatore individuato in grande quantità nei soggetti con tumore alla prostata e che deriva dalla unione del Psa con immunocomplessi Igm;

2) Psa totale;

3) volume prostatico, che viene determinato con l’ecografia trans-rettale (Trus);

4) età.

Sulla base di questi dati viene calcolato l’indice di iXip, che può variare da 0 a 1, e i soggetti vengono classificati in 5 classi di rischio per tumore alla prostata: nullo, basso, medio, alto e molto alto.

Nel corso degli ultimi anni, l’antigene specifico della prostata (PSA) è stato utilizzato come biomarcatore nello screening per questa patologia. PSA è una proteina normalmente prodotta dalla prostata e alti livelli di questo biomarcatore sono riscontrabili in presenza di tumore ma anche in caso di patologie non oncologiche, quali allargamento o infezione (prostatite) della prostata.
Rispetto ad altri indici e metodi attualmente disponibili per determinare la probabilità di tumore alla prostata, iXip:
  • È più efficiente ed affidabile (specificità del 100% per iXip < 0.2);
  • È semplicesicuro e confortevole per il paziente;
  • Permette di ridurre la percentuale di biopsie prostatiche superflue;
  • Aiuta l’urologo nel processo decisionale.
Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Prenota qui la tua visita

Prenoti la sua visita medica o esame diagnostico, una nostra operatrice La ricontatterà per ultimare la prenotazione.


Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.