[datetoday]
Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Stomaco in fiamme: la gastrite e come curarla

Bruciore di stomaco, crampi, dolore addominale, a volte anche una lieve nausea sono alcuni dei sintomi di un frequente disturbo: la gastrite, una condizione di infiammazione a carico della mucosa gastrica che riveste le pareti dello stomaco. L’infiammazione può insorgere in modo improvviso, dando luogo a un malessere gastrico di una certa intensità, ma di durata limitata nel tempo (gastrite acuta), oppure svilupparsi gradualmente, in modo più subdolo e meno evidente, ma persistendo poi come disturbo costante (gastrite cronica).

La gastrite più comune è generalmente legata ad abitudini alimentari poco sane o all’assunzione di cibi soggettivamente poco tollerati a livello dello stomaco. Un’altra variante estremamente frequente è la “gastrite nervosa”, ossia legata a stati d’ansia, stress, preoccupazioni o anche a un malessere psicologico molto intenso

Molti dei rimedi contro la gastrite “comune”, non associata a malattie specifiche o disfunzioni sottostanti, sono di tipo preventivo più che curativo e consistono in una serie di cambiamenti delle abitudini alimentari e dello stile di vita, cui si aggiungono alcuni rimedi naturali, utili sia per evitare sia per attenuare il mal di stomaco.

Sul fronte dell’alimentazione, per chi soffre di gastrite o sa di avere lo stomaco un po’ troppo “sensibile”, il primo consiglio è evitare tutti i cibi e le bevande caratterizzate da un effetto irritante diretto sulle pareti dello stomaco o che stimolano in modo particolarmente marcato la secrezione di succhi gastrici, determinando condizioni di acidità eccessiva.

Tra questi vi sono:

  • tutti i piatti speziati e piccanti (contenenti, per esempio, peperoncino, paprika, pepe, senape, rafano, ecc.);
  • alcune verdure particolarmente pesanti da digerire (soprattutto se crude, fermentate o sott’aceto) come cavoli, verze, crauti, rapanelli, cipolle, aglio, peperoni, cetrioli, pomodori;
  • gli alimenti per loro natura molto salati (insaccati, patatine fritte, salatini ecc.);
  • i cibi ricchi di grassi, soprattutto se di origine animale e fritti (arrosti, sughi, salse, creme dolci e salate, polpette, frittelle ecc.).

Tra le bevande, invece, le più dannose per la mucosa dello stomaco sono:

  • tutte quelle gassate, addizionate oltre che di anidride carbonica anche di acidificanti, coloranti, cola e caffeina;
  • il caffè;
  • gli energy drink;
  • gli aperitivi, i cocktail e le bevande alcoliche in genere, vino e birra compresi;
  • i freddi e i succhi di frutta industriali;
  • le spremute e gli estratti di frutta e/o verdura eccessivamente acidi.
Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
Nessun commento

Lascia un commento