Mercoledì
19 giugno


Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Patologie cardiovascolari: prevenire con l’alimentazione

cardiovascolare

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità nel mondo occidentale; questo può essere correlato ad uno stile di vita non del tutto sano ed adeguato. In particolare sembra che l’aterosclerosi sia la patologia cardiovascolare con maggiore incidenza: essa coinvolge le varie arterie dell’organismo e può portare quindi ad infarto, se colpisce i vasi sanguigni a livello del sistema cardiovascolare,oppure ad ictus se colpisce la rete cerebrale. Associata all’aterosclerosi, troviamo altre patologie con impatto negativo sull’apparato del cuore, ad esempio l’ipertensione, dislipidemie, ipercolesterolemia, obesità, diabete. Sicuramente è fondamentale la prevenzione, come in tutte le varie patologie, quindi adottare uno stile di vita sano ci espone senza dubbio ad una minore probabilità di manifestazione di queste patologie; in caso contrario, è possibile cambiare lo stile di vita in qualunque momento. Secondo le linee guida il paziente che segue un corretto stile di vita, una dieta equilibrata ed attività fisica può prevenire, ritardare o curare le patologie cardiovascolari. Le regole base per adottare una alimentazione sana sono diverse: le fibre devono essere ben rappresentate privilegiando legumi, verdura, frutta, olio di oliva, cereali, pane e pasta integrali; sostituire la carne rossa con carne bianca e magra in modo da diminuire l’apporto di grassi che tendono ad innalzare i valori di trigliceridi e colesterolo; ridurre l’apporto di sale che va ad innalzare la pressione arteriosa; ridurre le bevande alcoliche e limitarle a due bicchieri al giorno per l’uomo e uno per la donna (vino rosso); bere una buona quantità di acqua prediligendo acque con poco contenuto di sodio; sostituire latte e derivati interi con le forme scremate, diminuire l’introduzione di dolci e cibi zuccherini e ovviamente non dimentichiamoci di svolgere attività fisica: per i non amanti delle palestre è possibile svolgere una camminata di circa 30 minuti al giorno all’aria aperta!

 

 

 

Dott.ssa Lucia D’Anzi – biologa nutrizionista

 

Valuta questo post


Dott.ssa Lucia D'Anzi
Lucia D'Anzi
luci.danzi@gmail.com

Sono la dottoressa D’Anzi Lucia. Ho conseguito il 24 marzo 2015 la laurea magistrale in Biologia (Federico II, Napoli) con indirizzo in biologia della nutrizione che è stata da sempre la mia passione; lavoro infatti come biologa nutrizionista presso un mio studio professionale e seguo continuamente corsi di formazione e di aggiornamento nell’ambito della nutrizione oltre che della biologia in tutte le sue sfaccettature. Ho superato l’esame di stato per l’abilitazione alla libera professione di biologo e sono ufficialmente iscritta all’albo professionale. Attualmente sto seguendo il master di II livello in “dietetica e nutrizione” presso l’università Cattolica del Sacro Cuore dove svolgo anche un tirocinio presso il policlinico Gemelli. Precedentemente ho già svolto tirocinio clinico presso l’azienda ospedaliera A.O.R.N. Cardarelli di Napoli in qualità di nutrizionista; in qualità di biologa ho invece svolto un tirocinio annuale di tesi magistrale in chimica organica presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo, Fuorigrotta (facoltà degli studi di Napoli Federico II).

Lascia un commento