Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Sindrome di Arnold-Chiari: una malformazione dai diversi gradi di gravità

La Sindrome di Arnold-Chiari, o malformazione di Chiari, è un’alterazione strutturale del cervelletto caratterizzata da uno scivolamento verso il foro occipitale e il canale spinale della porzione basale degli emisferi cerebellari; è dunque una protrusione del cervelletto dovuta ad un difetto congenito di struttura della fossa cranica alla base del cranio la quale risulta essere poco sviluppata. In altre parole, è un’ernia cerebellare, in cui parte del cervelletto protrude dal foro occipitale invadendo il canale spinale.

La sindrome è sì congenita ma può avere sintomi quiescenti, quindi può essere asintomatica, fino all’età adulta.

 Uno dei sintomi principali è il dolore alla testa, la cefalea, anche molto intensa, pulsante, presente in oltre l’80% dei soggetti affetti e dolore diffuso al collo. Tali sintomi vanno poi peggiorando se i soggetti compiono sforzi fisici, colpi di tosse o starnuti.  Con il trascurarsi della sintomatologia potrebbero apparire alterazioni della vista, come vista sfuocata, sensibilità alla luce,  compromissioni dell’udito, come ronzii e riduzione del senso, o, ancora, alterazione della percezione dell’equilibrio.  Altri segni e sintomi possono dipendere da alterata funzione delle corde vocali tra i quali spiccano  e disfagia, apnee notturne, vomito incontrollabile e gravi disfunzioni cardiache.

In base alla gravità della protrusione e all’età di insorgenza, la malformazione di Chiari può essere distinta in 4 diversi tipi, identificati dai numeri  I, II, III e IV, di cui i primi due tipi, sono, rispetto agli altri 2, più comuni e meno gravi; il tipo III e il tipo IV sono molto rari e incompatibili con la vita.

Diversi studi in proposito sembrano confermare che la malformazione di Chiari abbia un’origine ereditaria, in quanto è stata riportata una certa ricorrenza in ambito familiare. Tuttavia, restano da chiarire le condizioni genetiche che provocano la comparsa della malattia, cioè quali e quanti siano i geni coinvolti e predisponenti, se non scatenanti, la malformazione, oltre al tipo di trasmissione.

Le malformazioni di Chiari di tipo II, III e IV sono visibili già in età prenatale tramite un esame ecografico; mentre la malformazione di Chiari di tipo I è visibile solo successivamente al manifestarsi dei primi sintomi. È importante sottoporsi, sin dai primi sintomi, a controlli tempestivi anche perché, da quest’ultimi, possono emergere altri disturbi associati o complicazioni della stessa patologia. Le complicazioni della malformazione di Chiari sono legate a un peggioramento della protrusione cerebellare o agli stati morbosi associati, quali l’idrocefalo, la siringomielia, la sindrome della colonna rigida e così via.

I pazienti possono subire un intervento chirurgico teso a diminuire la pressione del cranio sul cervelletto o affidarsi a rimedi farmacologici del tipo antidolorifico.

Rate this post
Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
1 Comment
  • Avatar
    Claudio
    Posted at 16:12h, 05 Marzo Rispondi

    Salve dottoressa , mi rivedo nel suo articolo stranamente questo articolo mi descrive anche se mancano alcuni sintomi. Se vuole scrivermi o parlare per approfondire lei ed io sono a sua disposizione. Claudio lombardino

Post A Comment

Prenota qui la tua visita

Prenoti la sua visita medica o esame diagnostico, una nostra operatrice La ricontatterà per ultimare la prenotazione.


Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.