Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Sì all’olio di cocco nella dieta!

L’olio di cocco è un alimento che, seppur grasso, può (anzi deve) essere inserito nella dieta dati i suoi vari poteri: rinforza i capelli, sbianca i denti e rimuove la placca, brucia i grassi, riduce lo stress, rafforza il sistema immunitario, protegge lo stomaco e il cuore. È un olio molto resistente all’ossidazione e alla polimerizzazione, ed è, per questo, molto stabile e può essere utilizzato in cucina senza il rischio della formazione di prodotti cancerogeni e in cosmetica come olio o come burro. L’olio di cocco è stato per molto tempo demonizzato, a causa dell’elevato contenuto in acidi grassi saturi a catena lunga. Da poco è stato studiato nello specifico ed evidenziato che contiene un’elevata quantità di acidi grassi a catena media, tra cui l’acido laurico, il quale a differenza dei primi non predispongono ad un aumento dei livelli di colesterolo cattivo e conseguentemente a rischi cardiovascolari. E’ importante sottolineare e differenziare l’olio di cocco dall’olio vergine di cocco: i processi di raffinazione  che vanno dal prodotto vergine all’olio di cocco finito, fanno si che venga persa parte degli acidi grassi “buoni” a catena corta: per questo motivo è quello vergine da preferirsi su quello raffinato.

Un cucchiaio di olio di cocco contiene 12g di grassi saturi, più del tanto discusso olio di palma o del comune burro ma, mentre l’olio di palma è ricco di acido palmitico associato a forte infiammazione dell’organismo e danni a livello cardiovascolare, l’olio di cocco contiene pochissimo acido palmitico (solo l’8%) a favore di un’elevata presenza degli acidi grassi “buoni” a catena media. L’olio di cocco è dunque più salutare dell’olio di palma.

Non si può certo pensare di sostituirlo all’olio di oliva, del quale sono noti da tempo gli effetti protettivi a livello cardiovascolare. Sicuramente, però, può essere usato all’interno di una dieta bilanciata per il suo contenuto più o meno rilevante di acidi grassi a catena media o corta.

 Inoltre, non è un’ottima alternativa per la frittura. Il suo punto di fumo è di 175°C, minore di quello di altri olii, come l’olio di oliva (190°C) o ai 230°C di olio di arachidi o di mais.
In conclusione: olio di cocco si, ma con moderazione!

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Prenota qui la tua visita

Prenoti la sua visita medica o esame diagnostico, una nostra operatrice La ricontatterà per ultimare la prenotazione.


Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.