Domenica
15 settembre


Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Problemi da viaggiatore: attenzione all’acqua!

Se si organizza un viaggio di piacere, o di lavoro, all’estero si potrebbe incappare in un fastidioso problema intestinale che spesso si verifica quando il Paese di destinazione è povero o ha scarse abitudini igieniche per le quali gli alimenti e le bevande potrebbero risultare veicoli di infezione. Tale fastidio si identifica nella tipica e nota “diarrea del viaggiatore”: un disturbo in grado di rovinare le vacanze a se stessi e ai compagni di viaggio.

La diarrea del viaggiatore è un’enterite (malattia infettiva delle vie digerenti) che colpisce soggetti provenienti da Paesi ad elevato tenore igienico quando si recano in aree in via di sviluppo, soprattutto nelle zone tropicali. Le zone a maggior rischio, infatti, sono il Sud-Est asiatico, l’India, il Bangladesh ed alcuni paesi dell’Africa e dell’America Centrale, in particolare il Messico. La sindrome, nella maggior parte dei casi, è dovuta ai ceppi di un batterio chiamato Escherichia Coli che produce una enterotossina, cioè una molecola tossica per l’apparato digerente, capace di determinare  alterazioni  del transito intestinale.

Per evitare questi pericolo, nei Paesi a rischio va sempre evitato il consumo di acqua e di altre bevande di dubbia provenienza che non siano sterilizzate o contenute in bottiglie  sigillate così  come per l’ingestione  di  verdura cruda, frutta che non possa essere sbucciata, carne e pesce crudo, frutti di mare, formaggi e gelati di produzione  artigianale;  cautelativamente  il  divieto  può  essere esteso ad ogni genere di alimento preparato o venduto all’aperto. Può capitare che tale problema non derivi esclusivamente dall’ingestione di cibo o bevande contaminate, piuttosto può derivare da una diversa abitudine alla quota batterica normalmente presente e consentita nell’acqua potabile che, risultando appunto diversa da quella nell’acqua del Paese di destinazione potrebbe essere interpretata dall’organismo come offesa ai suoi equilibri con conseguente scompenso della flora batterica intestinale e quindi diarrea.



Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com

Lascia un commento