Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Placenta accreta: un serio pericolo per le partorienti

La placenta accreta è un difetto di adesione placentare alla parete uterina: la membrana placentare si trova a stretto contatto con l’utero tanto che i villi coriali, che generalmente affondano nelle  cellule uterine,  in questo caso si estendono più in profondità raggiungendo il miometrio (strato muscolare dell’utero). Il disturbo non compromette la gravidanza, in quanto la funzione placentare è normale, ma predispone a un’emorragia post-partum massiva, in quanto la membrana si stacca dalla cavità uterina con difficoltà o solo in parte.

Il principale fattore di rischio per la placenta accreta è costituito da un pregresso intervento chirurgico all’utero (incluso un precedente parto cesareo). Altri elementi che possono favorire il manifestarsi dell’affezione comprendono fibromi sottomucosi, lesioni endometriali, multiparità, aborti ricorrenti, abitudine al  fumo di sigaretta ed età materna superiore ai 35 anni.

La diagnosi precoce è molto importante, poiché consente di pianificare le strategie di intervento più adeguate al caso. Nelle donne a rischio, la valutazione dell’interfaccia utero-placentare viene eseguita mediante ecografia; questa indagine può essere eseguita periodicamente, a partire dalla 20a alla 24a settimana di gestazione. Se l’ecografia non è conclusiva, la  risonanza magnetica o la flussimetria con  doppler possono supportare la diagnosi. Dopo il parto, invece, l’alterazione può essere sospettata se non avviene l’espulsione della placenta entro 30 minuti dalla nascita del bambino.

La placenta accreta prevede solitamente la programmazione di un parto cesareo, a cui può seguire un’isterectomia (indicata in presenza di una cospicua emorragia in atto) o un trattamento conservativo (possibile qualora il sanguinamento post-partum fosse minimo e la paziente desiderasse preservare la propria  fertilità). L’immediato clampaggio del  cordone dopo il parto può aiutare a ridurre al minimo la perdita di  sangue.

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.