Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Insonnia e sindrome dell’intestino irritabile: una relazione bidirezionale

L’insonnia è un problema che, se cronico, può essere associato ad ansia e depressione, obesità, diabete e problemi cardiovascolari. Non solo, i disturbi del sonno possono accompagnare anche la sindrome dell’intestino irritabile, condizione caratterizzata da crampi addominali, gonfiori e alterazioni della motilità intestinale. A ritrovarsi alle prese con difficoltà di addormentamento, ridotta durata del sonno, risvegli frequenti o sonno non ristoratore è circa un terzo dei pazienti colpiti da intestino irritabile.

In alcuni casi sembra esserci un’associazione diretta tra una scarsa qualità del sonno e l’aumento dell’intensità, della frequenza e della gravità dei sintomi gastroenterologici. Inoltre, spesso l’intestino irritabile costringe a risvegli notturni per correre al bagno o a causa dei fastidi addominali.

Quest’associazione è, però, bidirezionale cioè se da un lato tale sindrome sembra pregiudicare e condizionare il sonno, è vero anche il contrario ovvero che sia l’insonnia stessa a giocare un ruolo nella comparsa dell’intestino irritabile. In un recente studio, difatti,  il 33% dei pazienti con insonnia presentava sintomi di questa sindrome. Gli autori del lavoro hanno quindi concluso che chi soffre di insonnia cronica presenta un rischio più elevato rispetto alla popolazione generale di sviluppare questa patologia, ma i meccanismi di questa associazione sono sconosciuti.

L’ipotesi è che l’insonnia contribuisca a sviluppare una condizione di ipersensibilità viscerale che porterebbe a una maggiore sensibilità al dolore a livello intestinale. Questa interazione sarebbe mediata da un’attivazione anomala del sistema nervoso autonomo.

Il legame tra insonnia e intestino irritabile sembra quindi essere bidirezionale, e così come i sintomi di questa sindrome possono peggiorare la qualità del sonno, l’insonnia può a sua volta in un circolo vizioso difficile da interrompere. Un ulteriore indizio del legame tra sonno e intestino irritabile è la capacità della melatonina (sostanza coinvolta sia nella regolazione del ritmo sonno-veglia sia nella modulazione del rilascio di molecole proinfiammatorie nell’intestino) di ridurre i sintomi dolorosi a carico dell’intestino.

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.