Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Il tarassaco per la depurazione e l’infiammazione

Il tarassaco è una pianta erbacea diffusa in ambienti ben areati ed è abbastanza ubiquitaria, difatti la si può trovare nei prati, lungo le strade, sulle rive dei corsi d’acqua e in prossimità di terreni umidi. Tale pianta è nota anche come “dente di leone”, “stella gialla” e “capo di frate”.

Ha la fama di essere una pianta dalle proprietà depurative e antinfiammatorie: la radice è la responsabile delle capacità depurative, in quanto stimola la funzionalità biliare, epatica e renale  incentivando l’espulsione o trasformazione delle tossine in prodotti di scarto, quali urine, feci o sudore; al resto della piante sono affidati gli effetti antinfiammatori.

Ai suoi componenti, quali alcoli triterpenici (tarasserolo), steroli, vitamine, inulina, sali minerali, sono assegnate proprietà digestive e antinfiammatorie, specie nei confronti del fegato: ciò rende il tarassaco una pianta epatoprotettiva, indicata in caso di insufficienza epatica, itterizia e calcoli biliari. Inoltre, stimola le secrezioni di tutte le ghiandole dell’apparato gastroenterico incrementando la produzione di saliva, succhi gastrici, pancreatici, intestinali e induce un rilassamento della muscolatura dell’apparato digerente tanto da avere effetti lassativi e diuretici. Di tale effetto, in particolare, sono responsabili i flavonoidi e i sali di potassio, i quali stimolano la diuresi favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso. Ecco perché infusi di tarassaco sono consigliati in caso di ritenzione idrica, cellulite, ipertensione e stitichezza.

Altra azione del tarassaco è la capacità di attivare la funzione immunologica e potenziare la risposta immunitaria del sistema linfatico.

Nonostante i suoi potenti effetti positivi sulla salute, ha delle controindicazioni, per cui è bene evitarne il consumo nei seguenti casi:

  • In presenza di gastrite, reflusso gastroesofageo e ulcera peptica;
  • In presenza di calcolosi o occlusione delle vie biliari;
  • In presenza di insufficienza renale;
  • Durante certe terapie farmacologiche.

Per quest’ultimo punto è necessario essere a conoscenza, per chi ne fa uso, della sua interazione con i farmaci FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), coi quali il tarassaco interagisce negativamente. Va da sé, quindi, che chi li assume regolarmente deve predisporne un utilizzo cautelato, sotto controllo medico.

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.