Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Il Melograno: etimologicamente mela ma in realtà molto di più

Il nome comune “melo-grano” affonda le radici nel latino “malum” e “granatum”, termini che in italiano rimandano rispettivamente alle parole “mela” e “con semi”. La traduzione letterale “mela con semi” esprime le caratteristiche strutturali del melograno, anche se non si può certo dire che somigli profondamente ad una mela.

Il suo frutto è ricco d’acqua, fibre, fruttosio, sali minerali, antiossidanti non vitaminici e non solo: non apporta colesterolo, contiene lattosio, glutine, istamina, purine e amminoacidi; è fonte di minerali, tra cui soprattutto il potassio e il fosforo, ma si osservano anche buone quantità di sodiomagnesio ferro, seppur poco biodisponibile, mentre lo zinco, il manganese e il rame sono presenti in tracce; infine è ricco di vitamina C. Tutte queste caratteristiche fanno sì che gli si attribuiscano miracolose proprietà curative e antiossidanti.

Le peculiarità, e la costituzione, rendono questo frutto molto versatile ed adattabile a diverse diete di corretta alimentazione o dimagranti. Le proprietà benefiche, però, sono da considerarsi per soggetti sani, eventuali controindicazioni all’utilizzo sono, infatti, riscontrabili in soggetti affetti da patologie metaboliche con base genetica molto forte, legate all’obesità o comunque preesistenti.

Il melograno, pur non contenendo livelli eccessivi di calorie, va limitato , soprattutto in forma di succo o spremuta, nella dieta contro l’obesità. Non solo, apportando prevalentemente fruttosio, troppo melograno potrebbe nuocere a chi soffre di diabete mellito tipo 2 e ipertrigliceridemia. D’altro canto, questo alimento è anche ricco di polifenoli e vitamine antiossidanti, ragion per cui può rappresentare un buon alleato contro lo stress ossidativo e nella terapia nutrizionale per migliorare la colesterolemia.

La presenza di fibre contribuisce a prevenire e curare la stipsi, oltre a modulare l’assorbimento intestinale (riduzione dell’assorbimento dei grassi, rallentamento della captazione degli zuccheri) e migliorare il senso di pienezza gastrica. In merito a quest’ultimo, è anche necessario ricordare che il fruttosio rappresenta il glucide meno efficacie nello stimolo metabolico di sazietà.

Delle sue proprietà, dopo lunghi dibattiti scientifici, si è giunti a conclusione, e quelle che gli si afferiscono senza alcun dubbio sono le seguenti:

  • Proprietà astringenti;
  • Proprietà antidiarroiche;
  • Proprietà antielmintiche e vermifughe;
  • Proprietà gastroprotettive;
  • Proprietà rinfrescanti per le gengive;
  • Proprietà diuretiche;
  • Proprietà antitrombotiche e antiallergiche.
Rate this post
Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Prenota qui la tua visita

Prenoti la sua visita medica o esame diagnostico, una nostra operatrice La ricontatterà per ultimare la prenotazione.


Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.