Giovedì
18 luglio


Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Gli uomini preferiscono le donne formose: la conferma dagli studi di Darwin

 

Cartelloni pubblicitari giganti raffiguranti belle donne con seni e glutei in giusta evidenza distraggono i nostri uomini e danno vita  ad una carambola di incidenti stradali!

E’ successo in Russia, ma anche a Napoli.

Poveri uomini, non è mica colpa loro!

Si tratterebbe di una questione psicologica, un concetto antropologico abbastanza antico, ma sembrerebbe ancora non estinto. Le curve delle donne, le donne formose, evocherebbero l’idea dell’abbondanza, della ricchezza, della fertilità. Nelle società primitive erano espressione di un certo benessere, mangiavano di più e quindi ingrassavano, e potevano fare più figli da destinare al lavoro nei campi o alla caccia.

In alcuni uomini, forse neanche tanto pochi, questo concetto è rimasto a livello inconscio e così sarebbe spiegato perché elemento di interesse, potremmo dire “antropologico”, per gli uomini moderni resta il sedere seguito dal seno e dalle gambe.

E Noi donne?

Incaricate a portare avanti la gravidanza, momento di estrema vulnerabilità, per questo votate a ricercare partner affidabili, credibili e forti in grado di fornire risorse e sicurezza.

Ecco perché alle donne piacciono gli uomini “con i soldi” … perché, a livello genetico, quell’uomo in grado di fare soldi può assicurare maggiori risorse anche alla prole.

Condannate, quindi, dalla genetica, all’uomo brutto ma affidabile, il cosiddetto “tipo”.

E l’evoluzione…?

L’evoluzione ha fatto si che il binomio ormone/cervello non sia l’unico responsabile delle nostre azioni e delle nostre scelte.

Ci giunge in soccorso la famosa “neuroplasticità” cerebrale che ha fatto in modo che il nostro cervello si sia via via modificato. La plasticità cerebrale conferisce agli individui l’abilità di adattarsi a particolari ambienti, fornendo i fondamenti per i processi dell’evoluzione comportamentale e culturale. E’ questo il motivo per cui, anche se alcuni istinti sopravvivono, noi non ci comportiamo più come i nostri cugini cavernicoli…

…o almeno si spera!

 

 

Valuta questo post


Dott.ssa Marilena Palladino
Dott.ssa Marilena Palladino
palladino.marilena1@gmail.com

Laureata con lode in "Psicologia dei Processi Cognitivi e Recupero Funzionale" presso la Seconda Università degli studi di Napoli. Successivamente si è avvicinata al percorso formativo della scuola di specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale, approfondendo aspetti relativi alla psicopatologia generale e dell'età evolutiva, e ancora le tecniche di intervento psicoterapeutico cognitivo-comportamentali. Abilitata all'esercizio della professione di psicoterapeuta e iscritta al relativo Albo Professionale della regione Campania con numero progressivo 3784 in data 25/11/2008 ai sensi della Legge 18/2/89 ex art.7. Esercita la libera professione presso il proprio studio. Esperta in psicologia scolastica, svolge attività di consulenza rivolta a studenti nelle scuole primarie e secondarie.

Lascia un commento

Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.