[datetoday]
Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Aria condizionata: sollievo estivo ma con qualche rischio per la salute!

Per poter sopportare la calura estiva che fiacca il corpo e lo spirito, si rende necessario, spesso, l’utilizzo  dei condizionatori, un sollievo immane sì, ma che rappresenta, in alcuni casi, un rischio per la salute. Utilizzarlo in maniera consapevole e responsabile è un punto importante da tenere a mente nelle calde giornate d’estate. È essenziale che il flusso d’aria non sia troppo freddo, affinché il divario tra temperatura esterna ed interna non sia eccessiva: indicativamente la temperatura mantenuta dal condizionatore dovrebbe essere di cinque-sei gradi in meno rispetto alla temperatura esterna. Gli sbalzi di temperatura sono, infatti, dannosi per l’apparato respiratorio in quanto il freddo eccessivo causa una sorta di blocco del sistema naturale di difesa delle vie respiratorie provocando una diminuzione della vascolarizzazione delle mucose e una conseguente paralisi delle minuscole ciglia vibratili che rivestono le mucose stesse, la cui funzione è proprio quella di allontanare i microrganismi presenti nell’aria. Per tali motivi c’è il rischio di incappare nelle classiche malattie da raffreddamento come mal di gola e bronchite e poi emicrania, torcicollo, dolori articolari e muscolari. Per poter utilizzare responsabilmente i condizionatori fondamentale è porre particolare attenzione alla loro manutenzione: ebbene sì, oltre a poter andare incontro ai problemi di cui sopra, vi sono molte patologie alle quali ci si può esporre inconsapevolmente a causa di una insufficiente e inefficace manutenzione degli impianti. Nei filtri degli apparecchi si annidano pollini, acari (che possono provocare attacchi d’asma nei soggetti allergici) e microrganismi di ogni tipo (batteri, funghi, muffe ecc). I filtri dei condizionatori sono, in effetti, un ambiente ideale per il proliferarsi di muffe e il caldo umido sostiene la crescita dei batteri che, con la forte spinta dell’aria, si disperdono nell’ambiente provocando potenzialmente:

  • congiuntiviti;
  • faringiti e tonsilliti;
  • laringiti;
  • polmoniti;
  • nevralgie;
  • riniti;

Attenzione, però, a non demonizzare l’utilizzo dell’aria condizionata. Alcuni studi hanno dimostrato che un impianto ben pulito può addirittura diventare salutare per i soggetti allergici. I filtri, infatti, sono predisposti per bloccare l’ingresso di germi e pulviscolo facendone derivare un’aria “decontaminata” che porterà immediati benefici ai soggetti allergici e non, purché li si tenga correttamente. Seguendo queste poche regole si può utilizzare responsabilmente l’aria condizionata minimizzando i rischi per la salute.

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
Nessun commento

Lascia un commento