Servizio CUP

Aperto LUN - VEN
8:30 - 13:00 | 14:00 - 18:30


(+39) 081 0010202


App di Sanità Senza Problemi

L'App della buona sanità è arrivata!
Gratuita e disponibile per Android e iOS, smartphone e tablet!
Scaricala subito dal tuo Store!



Amanti del cruditè sì, ma con intelligenza!

L’Anisakis è un parassita che popola abitualmente l’apparato digerente di alcuni pesci, molluschi e mammiferi marini. Più precisamente è un nematode patogeno per l’uomo che ne viene a contatto dopo l’ingestione di pesce o molluschi contaminati crudi o poco cotti. Sono parassiti di dimensioni visibili ad occhio nudo con un po’ di concentrazione, di colore biancastro e al massimo di 2 o 3 cm di lunghezza. Dopo un processo di biomagnificazione che vede il parassita passare da un mollusco ad un pesce, e da quest’ultimo ad uno più grande suo predatore, risalendo così la catena alimentare, il verme arriva all’uomo entro cui provoca disturbi gastrointestinali tipo dolori addominali, diarrea, vomito e perfino perforazioni di stomaco e intestino.

L’infezione potrebbe anche essere latente per alcuni giorni quando nel mollusco o pesce contaminato vi sono le larve e, solo dopo l’ingestione, arrivano nell’intestino umano albergando fino alla loro attivazione: da quel momento in poi il malcapitato presenta i segni dell’infezione. Di solito la guarigione è abbastanza semplice grazie all’utilizzo di antiparassitari e altri farmaci, ma in casi estremi possono verificarsi ostruzioni intestinali alle quali si rimedia con un intervento chirurgico.

Tutto questo è facilmente prevedibile ed evitabile tramite una prevenzione attuata in primis dagli allevatori o dai produttori di specie a rischio. La salatura, la marinatura o l’affumicatura non abbattono il rischio di contaminazione da Anisakis, le uniche che possono farlo sono:

  • Il congelamento, molluschi e pesci destinati al consumo devono essere portati per 15 ore alla temperatura di -35°C o per 7 giorni alla temperatura di -20°C;
  • La cottura, il cuore del prodotto deve raggiungere i 60°C mantenuti almeno per 1 minuto.

Esclusivamente queste due tecniche costituiscono l’abbattimento e solo il pesce o i molluschi appena pescati abbattuti possono essere disposti al consumo umano.

I fanatici del crudismo possono, dunque, continuare a coltivare la loro passione ma con intelligenza e preservando sempre la propria salute che vale più di una cena a base di cruditè!

 

Avatar
Dott.ssa Biologa Minicone Sara
sara.minicone@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Prenota qui la tua visita

Prenoti la sua visita medica o esame diagnostico, una nostra operatrice La ricontatterà per ultimare la prenotazione.


Questo sito internet fa uso di piccoli file di testo (cookie) atti al corretto svolgimento di tutte le funzioni visualizzate. I cookie sono normalmente usati per permettere al nostro portale di funzionare correttamente (cookie tecnici), di generare report e statistiche di utilizzo (cookie statistici) e di generare piccoli contenuti pubblicitari non invasivi in base alle pagine visitate (cookie di profilazione). La Privacy & Cookie Policy è consultabile in ogni momento a questo indirizzo.

Accettandone l’utilizzo, riusciremo ad offrire un servizio sempre migliore e mirato alle vostre esigenze.

Alcuni contenuti o funzionalità del nostro sito non sono disponibili in quanto non è stata accettata l’esecuzione dei cookie.
Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” richiede l’utilizzo di tali cookie. Per visualizzare questo contenuto o funzionalità, è necessario attivarli cliccando qui.